stakkastakka #50 – Warez

Puntata completa

PODCAST + Approfondimento WAREZ

Posta del ♥ dell’Internet

  • Monopattini che passione

=> monopattini-vandalizzati-e-rubati-la- micro-mobilita-in-sharing-si-trasforma-in-un-incubo

I monopattini non convincono neanche un po’ una gestione un po’ troppo facile per il comune di torino, una narrativa ecologista che nasconde un consumismo ed una profilazione smart. Insomma questi monopattini non ci conviscono, sembrano accessori per la mobilita’ ma si trasformano in spazzatura cittadina si poteva prevedere ? Certo, ma e’ stato piu’ facile fare l’accordo commerciale

  • Le migliori 20 password del 2019

=> worst-password-2019

12345, 123456, password, 1312, qwerty, test1, iloveyou, abc123, qwertyuiop le password che palle, le password che passione!

Se usate la prima password che vi viene in mente allora sapete gia’ che questa password la potrebbe indivinare anche qualcun’altro.. Ecco la lista delle migliori e peggiori password del 2019!

Ecco alcune raccomandazioni per aumentare la sicurezza:

  1. controlla su monitor.firefox.com se la tua password e’ stata leakata e scoperto in seguito al hack di qualche sito web
  2. Aggiorna le tue password costantemente e usa una parola diversa per ogni account
  3. Usare un autenticazione a due fattori (2fa) come app consigliamo FreeOTP+
  4. Usare un password manager sul tuo computer, noi consigliamo keepassxc
  5. Fai sempre attenzione alle email che ti arrivano e se noti qualche movimento sospetto nel tuo account cambia la password immediatamente

Interviste

Intervista a CIRCE per la presentazione del libro Internet Mon Amour

=> Internet Mon Amour Libro

Approfondimento: WAREZ

Parliamo di warez, che cosa sono i Warez e come e’ partito tutto questo?

Warez e’ il software piratato. La scena warez ha cominciato a emergere nel 1970, nata dai predecessori di cracking software e gruppi di ingegneria inversa. Il loro lavoro era reso disponibile sui sistemi privati di bacheca (BBS).

Cosa vuol dire BBS?

I primi BBS si trovavano negli Stati Uniti, ma simili cominciarono a comparire in Canada, Regno Unito, Australia ed Europa continentale. All’epoca, l’installazione di una macchina in grado di distribuire dati non era banale e richiedeva una certa capacità tecnica. La ragione per cui veniva fatto di solito era per sfida tecnica. I BBS in genere ospitavano diversi megabyte di materiale. Le migliori schede avevano più linee telefoniche e fino a cento megabyte di spazio di archiviazione, che era molto costoso al tempo. Le release erano per lo più giochi. Man mano che il mondo dello sviluppo software si evolveva per contrastare la distribuzione di materiale “piratato” e che il software e l’hardware necessari per la distribuzione diventavano prontamente disponibili a chiunque. La Scena si è adattata ai cambiamenti e si è trasformata da una semplice distribuzione a un effettivo cracking delle protezioni e di reverse engineering non commerciale.

Cosa intendi per Reverse Engineering?

Poichè molti gruppi di persone volevano partecipare è emersa l’esigenza di promuoversi. Il che ha spinto l’evoluzione della Scena, che si è specializzata nella creazione di arti grafiche associate ai singoli gruppi (crack intro).

I gruppi promuovono le loro abilità con software sempre più sofisticato e avanzato, aggiungendo le proprie intro e più tardi anche aggiungendo la propria musica (si crea la scena demo). Quindi appunto si va alla vera e propria modifica del gioco per creare un opera d’arte. Un evoluzione dal semplice “sbloccare” al carpirne ogni singola parte e modificarla a piacimento utilizzando tutte le potenzialita’ della macchina.

La scena Demo ha poi iniziato a separarsi dalla “scena warez” nel corso degli anni ’90 ed è ora considerata come una sottocultura completamente diversa. Con l’avvento di internet i Cracker iniziarono ad organizzarsi all’interno di “Bande” segrete formate online. Nella seconda metà degli anni novanta, una delle fonti d’informazione più rispettate in materia di Ingegneria Inversa (Reverse) era il sito web Fravia^1^.

Parliamo delle prime crack e delle prime protezioni, perche’ e come sono state sconfitte o bypassate e chi erano questi cracker?

Le prime protezioni anticopia sono state applicate da: AppleII, Atari800 e Commodore64. Nel tempo ovviamente le tipologie di protezione anticopia si sono fatte man mano più complesse. La maggior parte dei primi cracker software spesso formavano gruppi che gareggiavano l’uno contro l’altro nel cracking e la diffusione di software. La rottura di un nuovo sistema di protezione anticopia il più rapidamente possibile era considerata come un’opportunità per dimostrare la propria superiorità tecnica. E lo e’ ancora, Inoltre tutto questo non lo si fa per una questione economica.

I cracker erano (e sono) programmatori che “sconfiggono” la protezione anticopia sul software come hobby, per aggiungere il loro alias alla schermata del titolo, e poi distribuire il “cracking” prodotto alla rete di warez BBS o siti Internet specializzati nella distribuzione di copie non autorizzate (es: torrent, ftp, emule,..)

I gruppi di cracker degli anni ’80 iniziarono a pubblicizzare loro stessi e le loro abilità aggiungendo schermi animati noti come crack intros nei programmi software che bucavano. Una volta che la competizione tecnica si era estesa dalle sfide del cracking alle sfide della creazione di intros visivamente stupefacenti, le basi per una nuova sottocultura conosciuta come scena demo erano state stabilite.

La maggior parte dei gruppi di cracking continuano questo lavoro non per guadagnare soldi ma per curiosita’, per accrescere il rispetto del gruppo e per sfidare le softwaree house che producono nuovi software sempre piu’ protetti.

Agli inizi I software crackati venivano pubblicati sulla rete tramite archivi di distribuzione FTP, mentre oggi e’ possibile scaricarli via torrent o tramite siti di reverse specializzati.

Ok, ma chi c’e’ dietro oggi?

La scena oggi è formata da piccoli gruppi di persone qualificate, che informalmente competono per avere i migliori cracker, metodi di cracking, e reverse engineering.

Per esempio esiste la High Cracking University (+HCU), che è stata fondata da Old Red Cracker (Stan Kelly-Bootle), un musicista-accademico-informatico inglese, considerato un genio della reverse engineering e una figura leggendaria in Reverse Code Engineering(RCE), per aver fatto progredire la ricerca nel RCE. OldRed aveva anche insegnato e scritto diversi testi sull’argomento, infatti questi testi sono ora considerati dei classici per chi studia appunto il reverse engineering. Al giorno d’oggi la maggior parte dei laureati di +HCU sono quasi tutti su Linux e pochi sono rimasti come craccatori di Windows. Le informazioni presso l’università sono state riscoperte da una nuova generazione di ricercatori e operatori di RCE che hanno avviato nuovi progetti di ricerca nel settore. Restano inoltre indovinelli creati da OldRed nel ’97 e non ancora risolti che appaiono nascosti nella rete disponibili per chi si appassiona al cracking software^2^

Come funzionava in pratica il sw cracking ?

Durante gli anni ’80 e ’90, i videogiochi venduti su cassette audio e floppy disk erano talvolta protetti con un metodo esterno che richiedeva all’utente di avere il pacchetto originale, il manualo o una parte di esso. La protezione anticopia veniva attivata non solo durante l’installazione, ma ogni volta che il gioco veniva eseguito. es

Ma il tempo passa e anche le corporation imparano a proteggersi.. Come si sono evolute le protezioni delle copie nel tempo?

Quando la Sega Dreamcast è stata rilasciata nel 1998, è uscita con un nuovo formato di disco, chiamato GD-ROM. Utilizzando un lettore CD modificato, si può accedere alla funzionalità del gioco. L’utilizzo di uno speciale CD, con la modifica, consente di leggere un gioco attraverso un CD-ROM utilizzando il Boot del CDRom per poi caricare il gioco piratato bypassando la protezione.

Le console di nuova generazione usano dischi Blu-ray. Oltre alla protezione offerta dalle console stesse, le specifiche del formato Bluray consentono di ottenere un marchio (BD-Mark) che non può essere duplicato senza l’accesso da amministratore di sistema. Il formato BD-ROM fornisce una notevole capacità (fino a 100 GB per disco con potenziale revisione per fornire di più), maggiore disponibilità di banda dei consumatori combinata con l’aumento delle dimensioni dei giochi distribuiti attraverso i canali online (avvicinandosi a 100 gigabyte per alcuni titoli) sta rendendo la distribuzione di software crackato difficile. Per evitare che le console stesse vengano hackerate e usate come mezzo per sconfiggere queste protezioni (come è successo con la WII e in parte con la PlayStation 3), le console contemporanee come Xbox o PS4, usano strumenti hardware di fiducia (firmati con una chiave) che autenticano l’hardware interno e bloccano qualsiasi software precedente.

In conclusione: crack, crackers e craccare che significa al giorno d’oggi ?

Se parliamo di cracking, parliamo della modifica del codice binario di un’applicazione per causare o impedire una parte specifica nell’esecuzione del programma. Un esempio specifico di questa tecnica è una crack che rimuove la scadenza del periodo di prova di un’applicazione o saltare il passaggio laddove richiede una chiave.

Le crack sono di solito programmi che alterano l’eseguibile del programma e a volte le librerie come le .dll o .so.

Al giorno d’oggi uno dei metodi utilizzati e’ quello di utilizzare programmi specifici per scannerizzare il programma usato per proteggere la copia. Dopo aver scoperto il software utilizzato per proteggere l’applicazione un programma specifico può essere utilizzato per rimuovere la protezione anticopia dal software sul CD o DVD (detto anche effettuare il crack). In altri casi piu’ fortunati è possibile “decompilare” un programma per ottenere il codice sorgente, come ad esempio se volessimo craccare le app della GTT o del bike sharing, ma questa e’ un altra storia…


::: {.footnote}


  1. ::: {#fn:1} Francesco Vianello (30 agosto 1952 — 3 maggio 2009), meglio conosciuto con il suo soprannome Fravia (a volte +Fravia o Fravia+), è stato un noto ingegnere del software inverso e hacker. Noto per il suo archivio web di reverse engineering. È noto anche per il suo lavoro sulla steganografia. Ha insegnato su argomenti quali l’estrazione di dati, l’anonimato, l’inversione pubblicitaria e l’ad-busting. NB: il subvertising non e’ stato inventato da Bansky ma da Fravia! https://en.wikipedia.org/wiki/Fravia ↩ :::

  2. ::: {#fn:2} http://www.home.aone.net.au/~byzantium/orc.html ↩ ::: :::

_TO * hacklab

STAI CERCANDO PRODOTTI PER L’HACKING, LA SICUREZZA INFORMATICA E IL PENETRATION TESTING? HAI BISOGNO DI BONIFICARE IL TUO SMARTPHONE, IL TUO PC O IL TUO SITO DA VIRUS E MALWARE? DEVI RINTRACCIARE UNA PERSONA O RECUPERARE DELLE INFORMAZIONI URGENTI? DEVI RIPRENDERE POSSESSO DI UN ACCOUNT, UNA MAIL O DI UNA PASSWORD CHE TI HANNO SOTTRATTO? VUOI ACQUISTARE DEVICE GIÀ CONFIGURATI PER SPERIMENTARE TUTTE LE TECNICHE DI HACKING IN MODO FACILE E VELOCE? HAI ESIGENZE PARTICOLARI IN AMBITO SOFTWARE O HARDWARE?POSSIAMO AIUTARTI  ! CLICCA SUBITO SUL BOTTONE ROSSO QUI SOTTO OPPURE CONTATTACI TRAMITE WHATSAPP O COMPILANDO E INVIANDO IL MODULO SOTTOSTANTE.

chevron_left
chevron_right